Delia – “Meraviglia”

Questa birra è dedicata a una Donna con la D maiuscola. Come lei è sorprendente.

Profumata, leggera e di colore delicato a prima vista, si rivela presto una tigre! Complessa (complicata a volte, perché no ?) e ricca di sfaccettature, non finisce mai di stupire. Tutto quello che crederete certo di lei, cambierà al sorso successivo. Inutile cercare di capirla, meglio goderla così come è: scivola in bocca che sembra niente, ma rimane appiccicata addosso insieme alla voglia di berne un’altra! Non cercate di appiopparle lo stile Pils perché è libera e non tollera condizionamenti.

Estratto originale del mosto: 10,5°Plato
Grado alcolico: 4,3 % in volume.
Colore: Giallo paglierino. A volte leggermente velata per i lieviti in sospensione.

Il colore è giallo paglierino, piuttosto pallido. La schiuma è sontuosa, fine e molto persistente. Al naso spiccano le tre componenti del luppolo utilizzato, il fruttato dolce (ananas e agrumi), l’erbaceo più nobile e un accenno di resinoso quasi balsamico. A questi si uniscono i sentori mielosi e freschi del malto Floor Pils.

In bocca arriva un amaro molto pulito e tagliente che presto, senza lasciare traccia, cede il passo a un leggero abboccato e alle molteplici componenti aromatiche. Birra originale, leggera ma di grande e sorprendente “spessore”.

Bere freschissima: il momento giusto cade entro i 5 mesi dalla data di imbottigliamento. Non invecchiare! Conservare al di sotto dei 10° C.

Ambiente ideale: le belle giornate di sole, ovunque le stiate vivendo e qualunque cosa stiate facendo.

Io immagino un pic nic come quelli di una volta o un brunch come quelli di oggi, un po’ “fighettino” a dirsi, ma estremamente piacevole. Atmosfere frizzanti tra amici e amiche.

Cibi: delicati formaggi a crosta fiorita (es: Brie giovane) mozzarella di bufala affumicata, caprini freschi e aromatizzati.

Bene con una cucina “etnica” speziata ma non troppo unta. Dessert a base di frutta e cioccolato bianco.




Cosa ne pensi di Delia – “Meraviglia”?