Nigredo – “Blacker than the Blackest Black”

In principio era il buio – un buio seducente in cui l’origine di tutte le cose trovò il proprio senso. Nigredo è il punto d’incontro in cui si fondono gli elementi; ove la ricerca si fa armonia, scintilla vitale, coraggio.

Nasce dalla evoluzione di una storica birra del BI, la Negra.

Fermentata in bassa, luppolata con le modalità e le quantità tipiche di una Dark IPA, ma utilizzando solo luppoli tedeschi, tra i quali sopra tutti l’Hallertauer Mittelfrüh.

Non basta questo a spiegare gli intensi e meravigliosi aromi di luppolo nobile che questa birra sprigiona. Infatti Nigredo ha un segreto: parte del luppolo usato è stato previamente sottoposto ad un processo di tostatura che rende un profilo aromatico assolutamente unico. È una pratica sinora sconosciuta nel mondo birrario ed è nata nella Officina Alchemica di Limido Comasco, grazie alla continua curiosità e voglia di sperimentare che ci muovono.

Nigredo è l’Opera al Nero degli alchimisti, la prima fase del processo alchemico. Inrealtà l’alchimia non era solo la proto-chimica, ma anche e soprattutto una ricerca spirituale. Così la Nigredo è il processo in cui ci si dirige verso il ritrovamento dell’autoconoscenza.

Nigredo è un’esperienza forte, adatta e dedicata a chi è nella ricerca…

 

 

 

Estratto Originale: 17º

Grado alcolico: 6,5%

Colore: Nero impenetrabile, con riflessi nocciola e rubino.

Dal cappello di schiuma imponente, bianco sporco e screziato di venature castane, si sprigiona una freschezza di luppoli balsamica e prepotentemente erbacea. La bevuta riunisce i sentori del luppolo a un corpo di snellezza sorprendente giocato su un sentimento tipicamente tedesco, abbinato però a note caratteristiche di caffè macinato, tarassaco, massa di cacao pura e grano arso che rendono Nigredo un esperimento pienamente riuscito; l'atto della trasformazione in sé, la Fenice che supera il mondo.

Bere freschissima: il momento giusto cade entro i cinque mesi dalla data di imbottigliamento. Non invecchiare! Conservare al di sotto dei 10° C.

Con le parole di Agostino:

 

"Nigredo è l’Opera al Nero degli alchimisti, la prima fase del processo alchemico. La produzione del malto e della birra sono stati per secoli intimamente connessi all’alchimia, tanto che il simbolo dei birrai tedeschi, due triangoli l’uno nell’altro a formare una stella a sei punte, è proprio un simbolo alchemico. Il primo triangolo rappresenta le tre grandi fasi: Nigredo (germinazione e maltazione), Albedo (saccarificazione) e Rubredo (fermentazioni), le tre grandi trasformazioni. L’altro triangolo indica i tre elementi, acqua, aria (gas) e fuoco. Da Basilio Valentino, alchimista, XV sec.: "Quando qualcuno vuol fare da orzo o frumento della birra egli deve osservare la Perfezione dei gradi della natura. Dapprima il cereale deve essere posto a macerazione in luogo chiuso, al buio… È solo dopo questi preparativi che può avvenire la cottura nell'Athanòr, con la quale dal frutto viene estratto con il fuoco il nobile spirito che si combina con l'acqua di cottura alla base della Fornace, formando in tal modo la Birra". (...) "Il luppolo che viene aggiunto alla birra, è il suo "Sale Vegetabile" e serve da preservatore affinché la Birra sia protetta da altri nemici e si conservi. Infine, avviene una nuova separazione col mettere nella Birra appena cotta un po' di lievito che procura alla Birra una infiammazione "Interiore" così che essa comincia a fermentare. La Birra ottiene così il potere di penetrare e di poter svolgere il suo compito predestinato; ciò che lo spirito agente della Birra prima di questa separazione non poteva fare a causa delle impurità che disturbavano ed impedivano il suo operato". Ma l’Alchimia non era solo la proto-chimica, ma anche e soprattutto una ricerca spirituale. Così la Nigredo è il processo in cui ci si dirige verso il ritrovamento dell’autoconoscenza. È un viaggio nella materia informe, volto a sciogliere il “miscuglio" e a conoscere gli elementi che lo compongono per tornare all’origine, alla Quintessenza. La fase di Nigredo distrugge la vecchia natura e la vecchia forma e le trasmuta in un nuovo stato dell’essere per dare loro un frutto completamente nuovo". 

 

What else?

Pino Fuocoil 14/10/2017 16:28
Ann Weaver beve ichnusa, ma quella filtrata
Ann Weaveril 15/07/2017 14:23
This is a comment to the Nigredo – “Blacker than the Blackest Black” | Birrificio webmaster. Your website is missing out on at least 300 visitors per day. Our traffic system will dramatically increase your traffic to your website: http://stpicks.com/27 - We offer 500 free targeted visitors during our free trial period and we offer up to 30,000 targeted visitors per month. Hope this helps :) Unsubscribe here: http://priscilarodrigues.com.br/url/11
Ivan Meazzail 04/09/2015 06:48
Credo sia la miglior birra scura che abbia mai bevuto. Lascia una sensazione che mi fa chiudere gli occhi quando la sorseggio e che non ho mai trovato in un altro prodotto artigianale. Ottime anche le altre vostre birre...ma la Nigredo è il top. Grazie




Cosa ne pensi di Nigredo – “Blacker than the Blackest Black”?