Scires – “La Complessità”

Viviamo in un’epoca frivola, ma non facile. È la superficialità del mondo, anzi, a generare alcuni degli interrogativi più ardui su cui ci arrovelliamo… Nei momenti in cui tutto sembra ridotto all’ “insostenibile leggerezza dell’essere”, solo una complessità giusta può riprendere le redini del nostro pensiero e dargli il tempo di cui necessita per approfondire i misteri del reale. Per questo esiste Scirès, una birra “da meditazione” in grado di donare al mondo la giusta prospettiva; un sorso stratificato in cui si annidano le verità e i piaceri che a volte abbiamo bisogno di riscoprire.

Estratto originale: 19°Plato
Grado alcolico: 7,5 % in volume.
Colore: Rosso rubino con sfumature sanguigne

Scires è una birra di bassa fermentazione che viene blendata con madri acide di annate diverse, addizionata di ciliegie di Vignola, batteri lattici e lieviti spontanei, e affinata a lungo in legno. Questo rende una sorsata cangiante e stratificata, in cui la presa acidula donata dalla seconda fermentazione e dalla frutta incontra la rotondità della ciliegia surmatura, e note di cantina, legno vecchio, cuoio si fondono in una rotondità quasi di cioccolato. Machiavellica ma non spigolosa, cerebrale eppure beverina, Scires è un esperimento di riprodurre le sfumature infinite del reale in un bicchiere.

Questa birra può essere invecchiata, evolvendosi e crescendo! Il momento giusto cade entro 60 mesi dall’imbottigliamento... E forse un po’ oltre ;) . Conservare al di sotto dei 10° C.

Si abbina perfettamente con pipa, camino, libri di un certo spessore e poltrone in cuoio scuro. Se ne raccomanda l’utilizzo come misura d’emergenza in momenti particolarmente concitati o difficili per dilatare il tempo e muoversi più agevolmente tra le sue trame normalmente anguste.

enrico sestiniil 18/08/2015 15:53
Penso che mi potrebbe piacere molto, possibile acquistare per il mio locale??




Cosa ne pensi di Scires – “La Complessità”?