Vudù – “L’Originaria”

C’è magia, una forza primigenia in Vudù. Il mascherone recita mantra profondi che vibrano della stessa vibrazione del mondo, che sanno di terra, di roccia nascosta, di umanità cruda. È un sacerdozio pagano ogni sorso, una connessione diretta con la potenza naturale: Vudù è l’armonia degli opposti, il bianco che tocca il nero, l’armonia cosmica, l’eterno tramutare. Originaria per questo suo essere, e perché si rifà ad uno stile ancestrale della tradizione tedesca: le birre scure a base di grano Weizen Dunkel, W. Du., Vudù. Celebra l’essenza autentica della birra – bevila dal suo calice mistico, generoso e ampio, sacrificale…

Estratto originale del mosto: 16°Plato
Grado alcolico: 6 % in volume.
Colore: Mogano velato con generoso cappello di schiuma color cappuccino. A volte leggermente velata per i lieviti in sospensione.

Particolarmente stuzzicante all’olfatto, con le classiche note di estere e fenoliche da weizen (banana matura, chiodo di garofano, crosta di pane) unite a sfumature di cioccolato al latte e toffee donate dai malti tostati; si rivela parimenti gratificante in bocca: le sensazioni olfattive vengono confermate da una sorsata piena e ricca di corpo, quasi “masticabile” e cangiante in aroma.
Si tratta di una birra nutriente, antica nel senso proprio del termine ma proiettata oltre il tempo, le mode e le stagioni.

Bere freschissima: il momento giusto cade entro i 5 mesi dalla data di imbottigliamento. Non invecchiare! Conservare al di sotto dei 10° C.

Nonostante la descrizione iniziale, sconsigliamo l’uso nell’ambito di rituali esoterici. Vudù è una birra conviviale quanto “meditativa”, che dà il meglio di sé tanto nei momenti di spensieratezza cameratesca quanto nella solitudine dei propri pensieri più importanti. Si adatta bene a dolci a base di frutta secca, torroni e castagnacci, a risotti di struttura e secondi di carne bianca.

Sam Spinziil 12/10/2015 07:36
Provata per caso, accompagnando un delizioso hamburger, stupito in positivo dal sapore e dai profumi... Veramente ottima, vale la pena provarla... e riprovarla... e riprovarla!!
Stefano Grimaldi il 10/10/2015 22:41
Davvero splendida, ha un profumo eccezionale e un gusto molto piacevole e delicato. Un piacere per il palato!
camurri marcoil 08/09/2015 20:52
eccezionale equilibrio per me perfetto ...buonissima




Cosa ne pensi di Vudù – “L’Originaria”?